Un angolo di Giappone nel cuore di Treviso

Sala da thè

Come promesso, vi riporto le mie impressioni riguardo la Giornata Giapponese dello scorso weekend. Ho dato questo appellativo alla giornata di domenica, perché grazie alla Casa dei Carraresi e all’associazione Nipponbashi, di cui vi ho già parlato qui, è possibile trovare un angolino di Giappone nel cuore di Treviso.

Quadro giapponese
La mostra Giappone: dai Samurai a Mazinga è ricchissima e ha come scopo di presentare, attraverso diversi oggetti, opere d’arte, kimono e armature, l’origine delle due anime millenarie di questo meraviglioso paese, quella di origini aristocratiche e militari dei samurai, focalizzata sull’essenzialità, e quella cittadina più frivola e ricca di suggestioni cromatiche.

Marionetta giapponeseDue culture che nel corso dei secoli si incontreranno costantemente, dando vita alla civiltà che conosciamo oggi; estremamente suggestivo l’utilizzo di oggetti contemporanei inseriti all’interno della mostra (stralci di anime, di film, fotografia, action figures e artigianato artistico) proprio per mettere in risalto la continuità che sussiste in Giappone tra tradizione e nuove tendenze. Praticamente tutti i cartoni animati che hanno solcato la mia infanzia sono tratti da manga a loro volta ispirati a storie tradizionali antichissime!

Armature e robots

In serata ci aspettava la cena sociale preparata da Yuri, la bravissima cuoca che tiene tra gli altri il corso di sushi, che sta già dando i suoi primi frutti: abbiamo passato un meraviglioso venerdì sera a preparare maki ed erano deliziosi! La cena, invece, verteva su alcuni piatti della cucina tradizionale giapponese in chiave autunnale ed è stata una gioia per il palato, ma anche per gli occhi: la connessione fra quel che avevamo appena visto nelle teche e l’armonia con cui le pietanze erano presentate, è stata inevitabile.

Zuppa di miso

Ho adorato la zuppa di miso con verdure di stagione e il katsu don, uno dei piatti nipponici più popolari. Infine, non è mancato il dolce, un delicatissimo mochi accompagnato da gelato di castagne fatto al momento. Il clima è informale, ma traspare tutto l’impegno e la professionalità della cuoca e degli organizzatori e sicuramente torneremo per le prossime cene in calendario.
Il Giappone ha letteralmente dominato il nostro ottobre, tra mostre, giornate a tema, corsi di cucina e cene tradizionali: è forse un segno inequivocabile che sia giunta l’ora di andarlo a vedere coi nostri occhi?

Piatto giapponese

Commenta